Lombardia

Salita di Cancano

SALITA CANCANO
Partenza

Hotel Funivia - Bormio (SO)

Arrivo

Lago di Cancano (SO)

Lunghezza

13 km

Dislivello complessivo

780 m

“Partendo da Bormio si percorre la strada Statale dello Stelvio fino all’altezza del terzo tornante dove si prende lo svincolo direzione passo del Foscagno per Livigno sulla Statale 301.

Dopo circa tre chilometri si arriva al bivio per la strada di Cancano.

Anticamente conosciuta come “via Imperiale di Alemagna” la strada conduceva al passo delle Scale mettendo in comunicazione l’Alta Valtellina con Svizzera, Austria e Germania.

Da lì vi era il transito di tutte le merci che dal nord Italia passavano verso gli imperi a nord.

La strada era impervia ed aveva una serie di gradoni in legno(passo delle Scale) facilmente amovibili in caso di attacco.

I registri del Comune di Bormio ricordano come fosse obbligatorio pagare un dazio per poter passare le Torri di Fraele.

Le Torri furono costruite nel 1391 per vigilare e controllare questa importante e strategica via di transito.

Nei primi anni del 900 la strada venne sistemata con delle gallerie costruite nella roccia per poi successivamente creare un invaso da parte dell’AEM di Milano nella valle di Fraele per la produzione di energia idroelettrica.

La salita misura 8,2 km con un dislivello positivo di 566mt ed una pendenza media del 6,9% per arrivare ad una quota finale di 1907mt slm.

Molto gradevole e facile per via dei numerosi tornanti che le conferiscono una bellezza particolare testimoniata dalle immancabili fotografie e selfie che gli appassionati ciclisti si fanno in prossimità delle Torri.

Ultimamente è stata scoperta anche dai ciclisti professionisti i quali si allenano in assoluta tranquillità lontani da traffico ed immersi nella pace della natura.

Oltre la cima finisce il tratto asfaltato ma grazie ad un fondo “gravel” molto ben tenuto si può procedere fino ai laghi di Cancano per vedere le dighe ed avere un panorama sul ghiacciaio dello Stelvio.

Valido giorno “easy” magari dopo aver scalato le salite mitiche come Stelvio, Gavia e Mortirolo.

Da non perdere!

Scopri il percorso!

« Indietro

è anche

Inserisci i tuoi dati e iscriviti alla nostra newsletter.

*campi obbligatori