Lombardia

La ciclovia dell’Adda

Interna
Partenza

Milano

Arrivo

Cassano d'Adda (MI)

Lunghezza

30 km

Difficoltà

Bassa

Da Milano all’Adda andata e ritorno, 60 km tutti su ciclabile. Un percorso adatto anche alle famiglie “allenate”, interamente pianeggiante ma mai noioso, che lungo l’antichissimo canale della Martesana ci porta in un’area fluviale molto particolare e interessante, sia dal punto di vista storico sia da quello naturalistico.

Si parte da una delle zone più trafficate di Milano, da via Melchiorre Gioia al numero 4, all’altezza della Cassina de’ Pomm, dove si incrocia il Naviglio della Martesana, canale navigabile progettato da Leonardo e inaugurato alla fine del 1.400, che collega il fiume Adda (…e perciò il Lago di Como…) con la città.

Da Milano a Cassano d’Adda (30 km) il percorso non presenta alcuna difficoltà: costeggia la Martesana su pista ciclabile, è interamente asfaltato e può essere affrontato tranquillamente anche da famiglie con bambini allenati.
Soltanto attenzione al “traffico” intenso di pedoni e altre bici, soprattutto nei weekend.

Nota tecnica: in questo tratto va benissimo una bici da strada non particolarmente “corsaiola”, vista l’andatura per forza di cose modesta.
Arrivati all’Adda, nei pressi di Cassano, si può scegliere di tornare indietro da dove siamo venuti (scelta obbligata con bambini al seguito…), oppure di proseguire sull’argine verso nord, in direzione Lecco, passando per Trezzo, Paderno e Brivio, con la possibilità di raggiungere il Lago di Como. Sarebbero altri 70 km tutti sterrati, perciò da affrontare in MTB o meglio con una bici ibrida o gravel, in ogni caso adatta anche alla prima parte di percorso e perfetta per il chilometraggio “maggiorato”.
La sella ideale per questo tipo di tracciati, misti ma “tranquilli”, non deve pregiudicare il piacere della pedalata, quindi meglio sceglierne una estremamente confortevole, in grado di assorbire le vibrazioni dello sterrato, ma che comunque garantisca un ottimo livello di prestazioni.

Consigliati i modelli in gel con foro centrale per lo scarico della pressione, come la Sport Gel Flow, con un rapporto qualità prezzo straordinario, ideale per questo genere di uscite “relax”.

 

Tornando all’itinerario, arrivati a Lecco, se non si ha voglia di affrontare il ritorno, si può prendere uno dei molti treni delle Ferrovie Nord con trasporto bici che ci riporterà facilmente a Milano.

Il percorso è nel suo complesso estremamente suggestivo, soprattutto per gli aspetti naturalistici e ambientali coniugati a quelli storici. Lungo il corso del fiume è ad esempio presenta una ricca varietà di uccelli acquatici che vive da sempre in perfetta armonia con un territorio storicamente “antropizzato”.

Opere di ingegneria idraulica, chiuse, canali, dighe e centrali elettriche, veri monumenti di archeologia industriale, il castello Borromeo, il villaggio operaio di Crespi d’Adda o il traghetto leonardesco di Imbersago, sanno stupire quasi quanto l’eleganza di una coppia di cigni reali che si lasciano cullare dolcemente dalle acque del fiume.

 

« Indietro

Ti piacerebbe diventare collaudatore Selle Italia?

è anche

Inserisci i tuoi dati e iscriviti alla nostra newsletter.

*campi obbligatori